In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Cerca

Lingua sito

English French German Italian Portuguese Russian Spanish

Login

banner3
banner4

Dalla ricerca Net Children Go Mobile emerge che il 34% dei ragazzi produce e si scambia video e immagini su Whatsapp e Instagram, il 43% dei ragazzi tra i 13 e i 16 anni svolge i propri compiti online. Il 38% dei giovani italiani accedono ad internet con il proprio smartphone. 

.

 

Messaging e condivisioni, ma anche un aiuto efficace per svolgere i compiti. La ricerca Net Children Go Mobile, finanziata dal Safer Internet Programme della Commissione Europea e pubblicata dall'OssCom di Università Cattolica di Milano, ha fotografato l’utilizzo di internet e dei social network tra i giovani e giovanissimi dai 9 ai 16 anni.

Ecco in sintesi i dati emersi.

Il 96% dei  ragazzi di 13-14 anni che utilizza internet, ha dichiarato di avere un profilo sui social, nel 2010 era solo il 68% ad averlo; mentre per i 15-16enni si è passati dall’80%  del 2010 al 93% del 2014. Dallo studio emerge anche un Dispositivi-usatiincremento dell’uso di Whatsapp: la percentuale degli utenti online tra i 9 e 16 anni che lo utilizza è passata dal 43% nel 2010 al 57% nel 2014.

L’abitudine dei ragazzi di scambiarsi video e immagini è diventata talmente frequente che si è passati dal 6% nel 2010 al 39% nel 2014. La percentuale dei giovanissimi tra i 9 e i 12 anni che condivide foto e video è pari al 4% tra quelli che non possiedono uno smartphone, mentre sale al 27% per chi utilizza questo dispositivo.

Con l’età cresce anche la percentuale dei ragazzi che condivide foto e video cresce. Tra i ragazzi tra i 13 e 16 anni senza smartphone raggiunge il 33%, mentre conquista addirittura il 68% tra quelli che invece possiedono un dispositivo mobile.

 

E anche nello studio…

Internet è una risorsa sempre più utilizzata anche nello svolgimento dei compiti. La percentuale dei ragazzi che quotidianamente accede al web per lo studio è infatti più che triplicata passando dal 10% nel 2010 al 34% nel 2014.

Inoltre, i dati rivelano che la percentuale dei giovani tra i 9 e i 12 anni che possiede uno smartphone e che svolge i compiti online è il 27%, il doppio rispetto a quelli che non utilizzano lo smartphone che si riduce a un 13%. La percentuale degli studenti delle scuole secondarie superiori (13-16 anni) che utilizzano la rete per svolgere i compiti raggiunge il 43%.

A scuola, invece, solo un ragazzo su quattro afferma di usare internet almeno una volta alla settimana. La forma più comune per gestire l’utilizzo di internet da parte della scuola è la mediazione restrittiva, vale a dire stabilire le regole su cosa si può fare su internet all’interno dell’ambiente scolastico. L’utilizzo dello smartphone è generalmente proibito, ma alcuni istituti stanno iniziando ad introdurre l’uso dei dispositivi nelle attività didattiche.

Risulta particolarmente in crescita la privatizzazione dell’accesso ad internet. La percentuale dei  giovani che accede a internet è cresciuta dal 62% del 2010 al 69% nel 2014 e, in particolare, è aumentato l'accesso a internet dallaLuoghi-e-frequenza propria camera attraverso lo smartphone, passando dal 4% nel 2010 al 38% nel 2014.         

Ma i giovani italiani mostrano anche una maggiore moderazione nell'uso dello smartphone rispetto ai pari età europei: la percentuale di giovani italiani che hanno sperimentato almeno due forme di uso eccessivo di internet è pari all’11%, al di sotto della media europea che, invece, è pari al 21%.

Tuttavia che il 50% dei ragazzi italiani afferma di aver provato “molto” o “abbastanza spesso” una forma di uso eccessivo dello smartphone, sviluppando così un forte bisogno di controllare il telefono per vedere se ci sono nuovi messaggi, o un senso di disagio quando non si può controllare il telefono.
La Redazione

 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna