In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Cerca

Lingua sito

English French German Italian Portuguese Russian Spanish

Login

banner3
banner4

Giuseppe Fiamingo, che da anni vive in Belgio, confessa che a volta si vergogna di essere italiano. I motivi sono tanti. Esagera o ha ragione?

.

 

Negli ultimi anni mi sono spesso vergognato di essere italiano.
Soprattutto quando vedo il mio amato Paese ricadere sempre nei soliti errori, vissuti prima con l'adesione cieca al ventennio fascista ed ultimamente a quello berlusconiano.
Questi periodi storici sono riusciti a tirare fuori il peggio dagli "italiani brava gente" contro i diversi, che lo siano per il colore della pelle, per la religione professata o per l'orientamento sessuale
”.

Inizia così il posto sul blog di Giuseppe Fiamingo, un italiano che da molti anni vive in Belgio

ed è sempre in prima linea per i diritti della persona. Lo scorso marzo ha lanciato anche una petizione a favore dei matrimoni tra persone omosessuali, lui eterosessuale e padre di due figli.

Per continuare a leggere il post sul razzismo, seguire il link →
L’intervista sulla petizione a favore dei matrimoni omosessuali la trovate qui

razzismo

 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna