In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Cerca

Lingua sito

English French German Italian Portuguese Russian Spanish

Login

banner3
banner4

Il saggio di Nicolamaria Coppola affronta un tema complesso e articolato coinvolgendo il lettore anche attraverso i racconti di persone omosex che hanno toccato con mano soprusi, ingiustizie e violenze. Per approfondire e comprendere meglio abbiamo rivolto alcune domande all’autore.

.

 

Nei Paesi arabo-islamici di omosessualità di può morire. Ovvero si può essere condannati a morte per il reato di omosessualità.

Ed è proprio da questa consapevolezza che trae origine Omosessualità in Medio Oriente di Nicolamaria Coppola. Una consapevolezza che va al di là del lavoro sul campo svolto dall’autore in Iraq e Giordania e che nasce dal desiderio di approfondire un tema articolato e complesso.

Coppola, nel saggio edito da Aracne, esplora con molta determinazione e franchezza tutti i lati del problema passando in rassegna le prospettive mediorientali non sempre compatibili con quelle dell'Occidente. Inoltre molto spazio viene riservato ai racconti dei diretti protagonisti e degli attivisti Lgbt che in questi anni hanno continuato a lottare mettendo spesso in gioco la loro stessa vita.

Per continuare a leggere la recensione e l’intervista a Nicolamaria Coppola, seguire il link →

Nicolamaria-Coppola

 

 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna